SEGUI ARPACAL SU

alghe2020 E’ stata riscontrata nella provincia di Reggio Calabria la maggiore presenza di fioriture algali sulle coste della nostra regione, nonostante su tutto il territorio ci sia comunque un rispetto dei limiti previsti dalla legge, e si è riscontrato come la temperatura dell’acqua incida sulla concentrazione delle microalghe stesse.

A questa conclusione è giunta l’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente della Calabria) che ha pubblicato oggi sul proprio sito web l’annuale “Report sul Monitoraggio di microalghe potenzialmente tossiche”, riferito all’annualità 2020, realizzato da un gruppo di lavoro interdipartimentale diretto dalla dr.ssa Filomena Casaburi, dirigente del Laboratorio Bionaturalistico del Dipartimento Arpacal di Catanzaro.

Il report  illustra l’attività di monitoraggio per l’anno 2020 sul fenomeno della proliferazione di microalghe potenzialmente tossiche lungo il litorale calabrese, con particolare riferimento alla specie Ostreopsis ovata. Obiettivo del monitoraggio è quello di acquisire dati sui rischi presenti lungo le coste della nostra regione e sui controlli indispensabili per la tutela della salute pubblica. L’attività, coordinata dalla Direzione Scientifica Arpacal, viene attuata nelle cinque province, Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia, attraverso i Referenti Provinciali, e si inserisce nel sistema di controllo dei rischi sanitari derivanti dall’uso balneare delle acque marine che prevede la valutazione del rischio associato alla proliferazione di microalghe potenzialmente nocive alla salute.

Il report - inviato alle autorità competenti, contribuendo alla realizzazione del report nazionale che sarà realizzato dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione la Ricerca Ambientale) - approfondisce l’andamento dei monitoraggi nelle cinque province calabresi, per un totale di venti stazioni di campionamento, con particolare riferimento alla specie Ostreopsis ovata.

 

(SCARICA REPORT)

(CONSULTA LO STORICO DEI REPORT)

 

Il gruppo di lavoro interdipartimentale è composto da:

Relazione a cura di:

Maria Grazia Aloi (Dip. RC), Alfredo Amoruso (Dip. KR), Giorgia Bulotta (Dip. CZ), Filomena Casaburi (Dip. CZ), Maria Antonella Daniele (Dip. VV), Stefano Morabito (Dip. RC), Francesca Pedullà (Dip. RC), Evelina Provenza (Dip. CS).

Hanno collaborato al monitoraggio delle “Microalghe Potenzialmente Tossiche”:

Per il campionamento:

Alfredo Amoruso (Dip. KR) , Emanuela Barillari (Dip. CZ),Giorgia Bulotta (Dip. CZ), Paolo Cuzzocrea (Dip. RC), Maria Antonella Daniele (Dip. VV), Raffaella Damiano (Dip. CS), Maurizio Davoli (Dip. VV), Francesco De Vincenti (Dip. CS), Melania Dragone (Dip. CZ), Fullone Francesco (Dip. CS), Gerardo Giannini (Dip. VV), Mario Mileto (Dip. CS),Stefano Morabito (Dip. RC), Francesca Pedullà (Dip. RC), Evelina Provenza (Dip. CS), Antonio Squillaci (Dip. CS).

Per le analisi microscopiche:

Angela Alia (Dip. VV),Maria Grazia Aloi (Dip. RC), Emanuela Barillari (Dip. CZ), Giorgia Bulotta (Dip. CZ), Costantino Crupi (Dip. CS), Melania Dragone (Dip. CZ), Giuseppina Fiumanò (Dip. CS), Stefania Giglio (Dir. Scientifica . Marine Strategy ), Silvana Ippolito (Dip. CS), Maria Marino (Dip. RC), Elisabetta Pellegrini (Dip. RC), Francesca Stefanizzi (Dip. CS), Margherita Tromba (Dip. RC), Ottavia Varcasia (Dip. CS), Concetta Vizza (Dip. CS).

Per le analisi chimiche:

Raffaele Bertucci (Dip. CZ), Giuseppa Marino (Dip. RC), Maria Antonietta Massara (Dip. RC), Maurizio Messina (Dip. RC), Iolanda Sacco (Dip. CZ), Carmine Tomaino (Dip. CZ),Domenica Ventrice (Dip. CZ), Cinzia Maria Verduci (Dip. RC), Valeria Visalli (Dip. RC).

Per le analisi statistiche e i grafici:

Salvatore Procopio (Dip. CZ)

Ricerca nel sito www.arpacal.it

Accesso riservato