SEGUI ARPACAL SU

nadm “Vogliamo mandare un segnale di resistenza e resilienza anche attraverso le nostre attività di istituto, ed in particolar modo verso le giovani generazioni con le iniziative di educazione ambientale. Per questo, dopo la forzata sospensione delle attività causata dall'emergenza Covid-19, ho il piacere di ufficializzare la ripresa del progetto "Non Abusiamo del Mare" .

E’ quanto affermato dal direttore generale dell’Arpacal, dott. Domenico Pappaterra,  in merito all’avvio della “fase 2” del progetto di educazione ambientale  realizzato da ARPACAL in partenariato con la Capitaneria di Porto di Crotone e l’Associazione Nazionale Marinai d'Italia ANMI - Gruppo di Crotone.

Finanziato con fondi POR CALABRIA FESR-FSE 2014-2020, Piano di Azione 6 - Azione 6.5.A1 - SUB-Azione 4" – il progetto è frutto della efficace collaborazione tra il Centro Regionale Sistemi di Gestione Integrati Qualità e Ambiente diretto dalla d.ssa Sonia Serra ed il Centro Regionale Strategia Marina diretto dal dott. Emilio Cellini, e coinvolge il personale Arpacal delle sedi di Cosenza, Crotone e Catanzaro.

“Non Abusiamo del Mare” - recentemente oggetto di un intenso lavoro di ri-progettazione e rimodulazione al fine di adattarlo alla nuova situazione pandemica, mantenendone la sua innovatività e rigore scientifico - si rivolge agli studenti degli Istituti scolastici ricadenti nel territorio di riferimento "UPTR 8bc- Valle del Neto e area del Cirò", e mira ad aumentare la consapevolezza del valore della biodiversità e del paesaggio, sostenendo nelle scuole azioni di informazione, comunicazione e sensibilizzazione sui temi ambientali.

L’articolazione dell’idea, i contenuti e le modalità esecutive del progetto "Non Abusiamo del Mare" conferiscono allo stesso una replicabilità su tutto il territorio regionale, diffondendo su una più ampia scala sensibilizzazione e consapevolezza sui temi trattati. Tali requisiti sono ritenuti indispensabili per perseguire uno sviluppo sostenibile del proprio territorio, partendo dal presupposto che “non si può amare ciò che non si conosce e non si può proteggere ciò che non si ama”.

Con il diretto coinvolgimento di studenti e insegnanti, il progetto prevede una fase di avvio con una serie di incontri formativi specifici, dibattiti e attività guidate in aula con  approfondimenti sulle diverse tematiche di tutela dell'ambiente e di sviluppo sostenibile del territorio, con l’ausilio di video-lezioni e proiezioni di video professionali realizzati appositamente nel corso del progetto e ad elevato contenuto tecnico-scientifico; tutti strumenti efficaci per analizzare il paesaggio e la biodiversità della Valle del Neto e dell'area del Cirò.

Sono state integrate anche attività di studio e conoscenza delle attività produttive che incidono sul territorio, il loro impegno in tema di acquisti verdi e consumo responsabile, il possesso delle certificazioni ambientali e l’analisi dell’economia circolare, temi tutti orientati alla riduzione dell'inquinamento.

Di ulteriore interesse risultano anche le attività di controllo dell'inquinamento marino condotte dal Centro Regionale Strategia Marina di Arpacal nell'ambito di quanto prescritto dalla Direttiva Comunitaria“Marine Strategy”. Con l'ausilio del personale della Capitaneria di porto di Crotone vengono offerte agli studenti informazioni tecnico-scientifiche sull’inquinamento in mare da microplastiche, rifiuti galleggianti e rifiuti spiaggiati, con dimostrazioni sulle attività analitiche di laboratorio per il loro monitoraggio. L’obiettivo fondamentale è quello di favorire sensibilizzazione e consapevolezza nei giovani studenti per ridurre la vera emergenza:il cambiamento della cultura ambientale.

Nel progetto,inoltre, sarà lanciato il concorso "Ecoarte": attività di "Laboratorio creativo" curato dagli studenti attraverso la creazione di opere artistiche realizzate con i rifiuti spiaggiati raccolti nelle escursioni guidate. Le opere realizzate saranno esposte per l’intero periodo estivo 2022 presso la sede ANMI di Crotone ed una apposita giuria ne decreterà il vincitore.

Di seguito si riportano gli Istituti Scolastici partecipanti, che si ringrazia per l’adesione al progetto, presso i quali Arpacal sta procedendo alla consegna dei materiali didattici realizzati e dei gadget dedicati:

 
1) Istituto Omnicomprensivo Statale
Via Vigna del Principe
88816 Strongoli (KR)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dirigente scolastico: prof.ssa Anna Maria TAFURI
Docente referente: prof. Vincenzo IORIO


2) Liceo Scientifico “Lilio”
Via San Francesco
88811 Cirò (KR)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dirigente scolastico: prof. Giuseppe DILILLO 
Docente referente: prof.ssa Angela COSTA
 

3) Istituto Omnicomprensivo Statale “D. Borrelli”
Via Mattia Preti, 1
88832 Santa Severina (KR)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dirigente scolastico: prof.ssa Antonella FERRAZZO
Docenti referenti: prof.ssa Teresa AMORUSO - prof.ssa Maria Daniela ROCCA

 
4) Istituto D’Istruzione Superiore “G. Gangale”
P.zza Kennedy, 10
88811 Cirò Marina(KR)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dirigente scolastico: prof.ssa Rita ANANIA 
Docente referente: prof. Vincenzo ROTA

 

Ricerca nel sito www.arpacal.it

Accesso riservato